Premiati con la corona le eccellenze autoctone italiane

È stata presentata il 5 novembre alla stampa presso il Teatro Puccini di Merano, nel giorno di inaugurazione del Merano WineFestival, la 14° edizione della guida Vinibuoni d’Italia 2017 a cura di Mario Busso. Edita dal Touring Club Italiano, è l’unica guida italiana dedicata ai vini da vitigni autoctoni che comprende anche gli spumanti Metodo Classico e, per il settimo anno consecutivo, le selezioni dei migliori vini dell’Istria croata.
L’evento della premiazione dei produttori che hanno conseguito l’ambito riconoscimento della Corona, ha riscosso una forte eco nell’ambito della manifestazione meranese, tant’è che oltre ai produttori, numerosi sono stati i giornalisti accreditati e gli operatori ( oltre 350 persone ) che hanno gremito la bomboniera del teatro Puccini.
Ai saluti inaugurali portati dal Presidente di Merano WineFestival Helmuth Köcher e da Cristiana Baietta, responsabile editoriale del Touring Club Italiano. Mario Busso, curatore nazionale della guida, ha illustrato i contenuti nuovi dell’edizione 2017: il riferimento storico segnalato con un’icona nella grafica delle aziende vitivinicole centenarie “Cento anni nel calice” e la rubrica “Vinibuoni Charming Club”. Ha inoltre ringraziato i partner tra cui il Consorzio del Prosecco Doc, a cui la guida ha dedicato un ampio approfondimento, e Sacmi per il progetto “Cantina chiavi in mano”.
La vera novità  della guida è, da questa edizione, la nuova App, attiva in italiano e inglese, che è stata presentata da Andrea Piacenza, che l’ha sviluppata.
Sono seguiti gli interventi di autorevoli giornalisti, tra cui Roberto Rabachino, Luciano Pignataro e Giancarlo Montaldo che hanno ricevuto il Premio Michele D’Innella. Forte attenzione è stata prestata all’intervento del presidente dell’Associazione della Stampa Agrolimentare Italiana, Roberto Rabachino che porterà una selezione di vini premiati dalla guida nei corsi di formazione universitaria che si terranno in Cina, in Brasile e negli Stati Uniti, delegando il curatore nazionale della guida, Mario Busso, a coordinare il compito della selezione e della comunicazione relativa.
Tra gli ospiti d’onore Shigeru Hayashi giornalista, scrittore, sommelier, ambasciatore del vino e del food italiano in Giappone, premiato da Giuseppe Vaccarini, Presidente dell’Aspi, l’Associazione Sommelier Professionisti Italiani.
L’attribuzione del premio “You’re etico” realizzato da Amorim Cork Italia in collaborazione con la guida, ha avuto come protagonista l’Amministratore Delegato Carlo Veloso Dos Santos. La prima edizione del premio è andata a Giorgio Colutta per il progetto “Diversamente Doc”.
L’attenzione della guida verso i temi della sostenibilità ambientale si è tradotta anche quest’anno nel premio “Ecofriendly”, realizzato in collaborazione con Verallia Vetri, attribuito alle aziende Icardi-Cascina San Lazzaro, Tenuta Sant’Antonio, Angoris, Ferrocinto, Andreola, Giuseppe Campagnola e Val d’Oca e al Consorzio Valpolicella. A consegnare il prestigioso riconoscimento Chiara Dalla Rizza, Alberto Agostinelli e Andrea Franceschin responsabili marketing Verallia, che si sono alternati sul palco anche nella consegna del premio “Sparkling star”.
Infine, nel consolidato rapporto con il salumificio Levoni, il premio “Bocconi e Visioni d’Italia” è andato a Gilberto Arru, Cristina Burcheri, Andrea De Palma e Liliana Savioli. A consegnarlo il direttore marketing Roberto Pagliari.
È seguito il buffet di Vinibuoni d’Italia dove erano in degustazione i 700 vini finalisti dell’edizione 2017 della guida abbinati ai salumi Levoni, alle tre stagionature di Grana Padano Dop e ad alcuni prodotti tipici del Friuli Venezia Giulia – in primis il prosciutto San Daniele e il Montasio – proposti da Ersa.
Nel contesto di Merano la guida Vinibuoni d’Italia ha realizzato Enoteca Italia, l’appuntamento che ogni anno richiama i visitatori italiani e stranieri; un incontro imperdibile con oltre 300 vini da vitigni autoctoni selezionati dalla guida del Touring;  una straordinaria esperienza sensoriale che percorre l’Italia attraverso i suoi vini più tipici.