L’Azienda conferma per il 5° anno consecutivo il suo sostegno alla guida “Vinibuoni d’Italia” in collaborazione con il Touring Club Italiano 7 novembre 2015 – 10:30 Teatro Puccini – Piazza Del Teatro 40 – Merano

Merano, 7 novembre 2015 – Verallia, terzo produttore mondiale di bottiglie e vasi in vetro per il food and beverage, rinnova la sua collaborazione con Vinibuoni d’Italia per il quinto anno consecutivo, affiancandosi alla guida edita da Touring Club Italiano nel premiare le aziende vitivinicole sostenibili nell’ambito del Merano WineFestival.
Per questa edizione, Verallia premierà tre ordini di aziende con un fiore di vetro, appositamente realizzato:
● sette “aziende ecofriendly” – aziende vitivinicole distintesi per il loro approccio alla sostenibilità e selezionate da Vinibuoni d’Italia:
○ Ricci Curbastro – Lombardia
○ Concilio – Trentino
○ Colterenzio – Alto Adige
○ Tenuta di Angoris – Friuli Venezia Giulia
○ Terre Cortesi Moncaro – Marche
○ Agriverde – Abruzzo
○ Tenuta Gorghi Tondi – Sicilia

● Cinque aziende che riceveranno il premio speciale Verallia, che ha voluto affiancarsi alla giuria di Vinibuoni d’Italia, selezionando a sua volta delle aziende vitivinicole sostenibili:
○ CANTINA LEONARDO DA VINCI (Gruppo Caviro ) – Toscana
○ CANTINA SOCIALE DI SOAVE – Veneto
○ ASTORIA – Veneto
○ BANFI – Toscana
○ ARALDICA – Piemonte

Il premio speciale Sparkling Star, che premierà le cantine di Spumante individuate dal pubblico del Vinitaly per la particolare qualità del prodotto.
Verallia ha deciso di premiare le eccellenze della viticoltura italiana in termini di qualità e sostenibilità perché sono valori fondamentali per l’Azienda, che si rispecchiano completamente nel vetro, materiale naturale, sicuro, igienico, elegante, riutilizzabile, riciclabile al 100% infinite volte e che conserva inalterati gusti e profumi degli alimenti. In particolare la sostenibilità è al centro della strategia aziendale di Verallia che trova il suo culmine nella linea Ecovà, la linea in vetro alleggerito che permette di risparmiare fino al 18% di energia e dal 10% al 30% di materie prime.