Dalla pubblicazione della guida alla realizzazione degli eventi

• La Redazione ha consegnato in questi giorni a Touring Club Italiano gli elaborati dell’edizione 2017 della guida Vinibuoni d’Italia pronti per la stampa.
La guida sarà in libreria verso fine Ottobre, ma a Ein Prosit che si svolgerà a Tarvisio-Malborghetto dal 20 al 23/10, chi sarà presente potrà visionare in anteprima la selezione dei vini operata dai coordinatori regionali di Vinibuoni d’Italia. Molti di questi vini saranno in degutazione presso ‘Enoteca Italia’, che anche quest’anno verrà allestita non solo in occasione della prestigiosa manifestazione tarvisiana, ma, in sequenza, al Merano WineFestival, al WineAround di Saluzzo e a Vinitaly 2017.

• Enoteca Italia è un evento molto importante ideato dalla guida per promuovere in modo diretto – al pubblico e gli operatori di settore – i vini che sono stati selezionati dalle 27 commissioni che hanno degustato quest’anno oltre 26 mila vini. Enoteca Italia è dunque un appuntamento di promozione imperdibile soprattutto per le aziende, ma anche per i consumatori che in tal modo hanno l’opportunità – unica in Italia – di vedere raggruppato in un solo spazio, il meglio della produzione in fatto di vini tipici e storici della Penisola. Questi vini sono stati inviati ad Enoteca Italia dalle aziende che si sono distinte in guida sia per l’impegno profuso per ottenere l’eccellenza espressa dai vitigni autoctoni, sia nell’esprimere il meglio in fatto di bollicine la cui selezione è inserita nell’apposita sezione dedicata agli spumanti Metodo Classico.

• Le aziende selezionate in guida hanno dunque usufruito di questa opportunità offerta da Vinibuoni d’Italia, aderendo al progetto proposto dalla Redazione di partecipare, con il vino simbolo, ai quattro eventi di Ein Prosit, Merano WineFestival, WineAround e Vinitaly 2017.

• La presentazione ufficiale della guida avverrà anche quest’anno a Merano WineFestival sabato 5 novembre presso il Teatro Puccini. Nell’occasione le aziende che hanno ottenuto la Corona, riceveranno il diploma che attesta l’eccellenza del vino premiato con il massimo riconoscimento della guida.

• Per chi non ci avesse seguiti all’indomani delle Finali, ritengo importante riproporre i dati ufficiali di Vinibuoni d’Italia 2017:
5000 vini selezionati in Guida
491 i vini che hanno ottenuto la Corona: massimo riconoscimento per i vini top dell’eccellenza, scelti con voto palese di maggioranza nella sessione finale di degustazione a commissioni riunite su scala nazionale. La premiazione e presentazione della guida alla stampa si terrà  nel Teatro Puccini di Merano.
209 i vini che hanno ottenuto la Golden Star: secondo massimo riconoscimento per i vini che hanno espresso eleganza, finezza, equilibrio, qualità e precisa espressione del varietale e del territorio.
338 le corone attribuite dai winelovers ovvero dal pubblico che ha assistito alle finali di Vinibuoni d’Italia e che ha votato parallelamente ai coordinatori della guida. Un pubblico, per la maggior parte costituito da sommelier, giornalisti e operatori di settore.
269 i vini da non perdere: vini di particolare pregio che le commissioni regionali hanno voluto mettere in risalto, dedicando loro un’apposita sezione della guida.

• Vinibuoni d’Italia sta predisponendo anche il programma delle presentazioni regionali della guida che saranno non solo motivo di incontro territoriale con i produttori, ma anche presupposto per premiare le aziende che avendo ottenuto la Corona non saranno presenti a Merano. Le presentazioni regionali della guida sono anche l’occasione per insignire del diploma di merito i produttori che hanno ottenuto con i loro vini la Golden Star.

• Volgendo lo sguardo al lavoro svolto esprimo tutta la mia gratitudine alla Redazione che operando in modo instancabile e senza porsi problemi di orario anche quest’anno ha rispettato la data di consegna dei lavori. Il febbrile, faticoso e inesauribile lavoro di  Redazione, in tre mesi, ha permesso di elaborare tutti i dati e le schede inviate dai coordinatori regionali e comporre graficamente la guida controllando ogni dato fornito ed ogni etichetta al fine di ridurre pressoché a zero il margine di errore. Un lavoro che è seguito a quello dei 27 coordinatori regionali che con le loro commissioni hanno messo in moto e orchestrato l’immensa macchina delle degustazioni.

• Un ringraziamento particolare va ai partner che da anni credono in Vinibuoni d’Italia. A Grana Padano, Salumificio Levoni, Verallia ed Ersa, si sono aggiunti quest’anno Amorim e Sacmi. A quest’ultima azienda dedichiamo in questa news letter un particolare approfondimento, dedicando alle altre un’analisi specifica nelle successive comunicazione.

• Last but not least, il mio ringraziamento va ai Produttori. Sono loro i veri artefici di questa guida che, attraverso il lavoro della Redazione e dei Coordinatori, altro non ha fatto che monitorare un percorso di elevamento qualitativo dei vini e di grande intraprendenza imprenditoriale. Lo dimostra l’innegabile successo dell’export che cresce in volume e in valore e offre maggiori prospettive future al settore. Anche su questo versante la guida sarà maggiormente vicina ai produttori, mettendo a loro disposizione  la versione App della guida in lingua italiana e inglese, ma vagliando l’opportunità di essere presente con i produttori anche in manifestazioni internazionali.