Ci sono luoghi in cui il vino è un affare di famiglia, una questione di cuore. Questo accade a Galtellì, provincia di Nuoro, borgo, cantato da Grazia Deledda nel suo “Canne al vento”, che sorge nel centro pulsante delle Baronie. Un territorio particolarmente vocato, dove oggi sorge la Cantina Mastìo Hofmann. I primi filari di Cannonau, tra i vitigni più identitari dell’isola, sono stati impiantati nel 1974 da Michele Mastìo, patriarca della famiglia e da allora la vite non ha mai lasciato queste terre: 46 anni di coltivazione senza soluzione di continuità. Un racconto fatto di amore e attenzione proseguito da Michele, nipote del fondatore, e da sua moglie Paola Hofmann, che hanno portato una nuova ventata di energia in cantina, forti di una passione per il vino e per la terra senza eguali. Oggi gli ettari, cresciuti, sono sette e cantano il vino sardo. Oltre al Pontes, etichetta di punta, il Cannonau è raccontato dalla voce del Banduleri, giovane e versatile, come un buon jazz. Accanto a loro Frantzisca, contemporaneo blend di Montepulciano e Cannonau, e Malicas, Vermentino di Sardegna Doc che omaggia la convivialità. Punta di diamante lo spazio accoglienza perfetto per degustazioni, incontri e momenti di pura gioia, che insieme ai tour e alle attività in vigna, chiude il cerchio di un senso dell’accoglienza moderno e contemporaneo.

Cantina Mastìo Hofmann
Via Baronia, 26
Galtellì (Nu)
Tel. 329 4605300
www.cantinemastio.com