Sabato 30 luglio si è tenuta, presso la Villa di Toppo Florio a Buttrio (UD), la serata conclusiva delle finali della guida Vinibuoni d’Italia 2017 edita dal Touring Club Italiano.
Prima della proclamazione delle Corone, gli interventi del Sindaco di Buttrio Giorgio Sincerotto e del Direttore Generale dell’Ersa Paolo Stefanelli hanno ribadito lo stretto legame che lega la cittadina e la Regione a Vinibuoni d’Italia, per la scelta operata nel promuovere i vini da vitigni autoctoni quali alfieri capaci di dare identità al territorio.
Un grazie particolare è stato espresso da Mario Busso, curatore nazionale della guida, nei confronti di Tiziano Venturini e della Pro Loco Buri per l’impegno organizzativo che ha permesso lo svolgimento regolare e perfetto delle degustazioni, che anche quest’anno hanno coinvolto i 30 coordinatori regionali della guida.

In seguito al momento più istituzionale della serata, gli ospiti hanno potuto degustare tutti i 700 vini finalisti di Vinibuoni d’Italia, che hanno accompagnato il goloso percorso gastronomico elaborato dallo chef Zago alla scoperta delle prelibatezze della cucina tradizionale italiana:
– dal Friuli il frico croccante;
– dal Veneto il “savor” della Laguna veneta;
– dalla Liguria le trofie con pesto di basilico, patate e fagiolini;
– dalla Toscana la panzanella e la pappa al pomodoro;
– dalla Campania i maccheroncini di Gragnano alla Sorrentina;
– dal Molise gli arancini di riso;
– dalla Calabria le polpettine di neonata di pesce con salsa ai peperoni;
– dalla Sicilia il cous cous alla mediterranea;
– dalla Sardegna il tonno di Carloforte alle erbe dell’isola.

La sinfonia della serata si è arricchita dei formaggi a latte crudo dell’azienda Zoff, dei prosciutti di Testa&Molinaro, dei fasolari della Laguna di Marano e dei dolci preparati dai volontari di Buttrio.