500 g di alici nostrane dette sardoni barcolani, 40 g di pinoli, 1 kg di fave fresche pulite, pane fresco per impanatura, sale di Sicciole, pepe, vino bianco Ribolla gialla, olio evo Tergeste Dop Snozak e brodo vegetale.

Per la crema di fave: scaldare l’olio in padella e aggiungere le fave, sfumare con vino bianco, salare e bagnare con il brodo vegetale fino a coprirle. Portare a cottura per circa 20 minuti, aggiungendo, se serve, ancora del brodo. Quando le fave sono pronte metterle nel frullatore per ottenere una crema. Controllare sale e pepe.
Per le polpettine: pulire e spinare le alici fresche, tostare i pinoli e frullare il tutto con un pizzico di sale e un filo d’olio. Con l’impasto preparare a mano le polpettine, della dimensione di una noce, quindi impanarle con pane fresco macinato grosso e successivamente friggerle nell’extravergine. Disporre al centro del piatto la crema di fave e posizionare le polpettine a piramide. Guarnire con erba cipollina e foglia di pomodoro essiccata.

Sardoni barcolani

Il pesce azzurro del Golfo di Trieste è considerato uno dei migliori d’Italia. Le alici in particolare, sono un vanto della città e vengono chiamate sardoni barcolani, da Barcola, la località sul mare tra il castello di Miramare e la città. I sardoni impanati e fritti sono il piatto più popolare di questo pesce.

Vino consigliato:Venezia Giulia Igt Ribolla Gialla Spumante
Fragranti aromi fruttati di mela verde e agrumi, erbe aromatiche e accenti minerali. Finissima effervescenza e una scia dai ritorni citrini.

Al Bagatto

Via Cadorna, 7 – Trieste  – tel. 040 301771 – www.albagatto.it

Roberto ha sempre come obiettivo la qualità e la freschezza del pesce. Semplicissima la sua cucina, garbatamente innovativa, sempre alla ricerca di nuovi piatti da creare.